FONDAZIONE PRADA PRESENTA IL RISTORANTE TORRE

Ha aperto all’interno della Fondazione Prada di Milano il ristorante Torre, ospitato al sesto e settimo piano del nuovo edificio progettato da Rem Koolhaas con Chris van Duijn e Federico Pompignoli dello studio OMA

Ristorante Torre Fondazione Prada, Milano. Foto: Delfino Sisto Legnani e Marco Cappelletti Courtesy Fondazione Prada. Da sinistra a destra / from left to right. Opere di / works by John Wesley, William N. Copley, Goshka Macuga e/and Lucio Fontana

La proposta gastronomica autenticamente italiana, ispirata alle migliori tradizioni regionali, accompagnata dalla prestigiosa selezione di vini, composta da etichette italiane e internazionali, del ristorante Torre, sono presentate in una cornice che, come la definisce Rem Koolhaas, è un collage di temi e elementi preesistenti, che combina opere d’arte e arredi di design.

A cominciare bar, dove gustare un cocktail o fare una light dinner seduti al bancone. Gli ambienti sono caratterizzati dal contrasto tra le ampie vetrate a tutta altezza, che offrono una vista inedita di Milano, magari vicini a un camino attorniato da poltroncine e tavolini di Eero Saarinen.

Le pareti sono decorate da piatti d’artista, realizzati per il ristorante Torre da John Baldessari, Thomas Demand, Nathalie Djurberg & Hans Berg, Elmgreen & Dragset, Joep Van Lieshout, Goshka Macuga, Mariko Mori, Tobias Rebherger, Andreas Slominski, Francesco Vezzoli e John Wesley.

L’ultimo livello accoglie arredi originali del Four Seasons Restaurant di New York, progettato da Philip Johnson nel 1958, e elementi dell’installazione di Carsten Höller The Double Club. La terrazza esterna si affaccia sullo spazio urbano e presenta la
pavimentazione in porfido e griglie metalliche caratteristica degli esterni della Fondazione Prada.

Al settimo piano è infine presente lo chef’s table, uno spazio esclusivo e riservato con servizi dedicati, caratterizzato da una parete vetrata con vista sulle cucine e da una terrazza privata.